imagine gessi colorati su lavagna

null Istituto Comprensivo " W. A. Mozart” - Roma

Istituto Comprensivo " W. A. Mozart” - Roma

Torna a Le Scuole

L’Istituto Comprensivo “W. A. Mozart” opera da quasi quarant’anni nella problematica realtà periferica dell’Infernetto, all’interno del X Municipio di Roma, territorio esteso e assai popolato.

Accoglie un’utenza di circa 1765 studenti, distribuiti in sette plessi (tre in Viale Castel Porziano, due in Via Bedollo, uno in Via Salorno, uno in Via Cles) e tre indirizzi di studio (Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1° grado). L'Istituto ha partecipato a diversi progetti, quali “Aree a rischio”, “Stem”, “Scuola aperta”, finanziati dagli enti territoriali, proponendo attività extracurricolari anche nei mesi estivi e nei giorni festivi. Nella stessa ottica ha partecipato e ottenuto finanziamenti, attraverso bandi PON-FSE e FSER, dalla Comunità Europea, attuando iniziative di potenziamento della didattica in chiave innovativa nonché di miglioramento delle dotazioni laboratoriali, in una prospettiva di sviluppo e di uso di tecnologie moderne nell'insegnamento. 

La partecipazione dell’IC “W. A. Mozart” al Progetto ALI nasce dalla necessità di creare una struttura capace di interagire e scambiare informazioni e strategie e operando in sinergia tra associazioni/enti, che seguono i ragazzi dal momento dell’accoglienza, e le scuole, protagoniste nell’inclusione dei minori. Tale sinergia permette di realizzare delle azioni mirate, in quanto proposte da chi conosce esattamente quali livelli di competenza linguistica siano necessari per realizzare il processo inclusivo. 

Tra i tanti bisogni fondamentali rilevati si evidenzia inoltre la necessità di svolgere attività ricreative con valore educativo e rispetto del senso civico. I minori stranieri non accompagnati sono spesso esposti a situazioni di disorientamento linguistico, culturale, emotivo e psicologico. Una delle necessità rilevate dagli operatori che si occupano di seconda accoglienza è proprio quello di evitare che ragazzi così vulnerabili, anziché affidarsi agli adulti impegnati nella loro accoglienza e inclusione si affidino a gruppi di pari o a soggetti che mirano al loro sfruttamento. 

Non consapevoli dei propri diritti (compreso quello allo studio) i ragazzi sono spesso vittime di sfruttamento lavorativo e ciò è concausa dei numerosi esiti negativi in riferimento al completamento del percorso formativo. Non è raro, quindi, rilevare difficoltà nel seguire i progetti educativi e discontinuità nella frequenza scolastica 

Su questi ultimi aspetti risultano fondamentali le azioni dello Stato volte a velocizzare l’iter burocratico inerente le procedure di accoglienza e stabilizzazione dei MSNA, in armonia e con quelle del Parlamento Europeo che, a marzo 2020, ha invitato tutti gli Stati membri ad adottare misure specifiche per i richiedenti asilo, in particolare per i minori non accompagnati e per le famiglie con minori. 

La scuola può dare il suo contributo, favorendo un progetto di alfabetizzazione linguistica e culturale dei ragazzi molto specifico nell’analisi dei fabbisogni e dei tempi di conseguimento degli obiettivi che ci si pone, di concerto con gli altri enti operanti sul territorio nazionale. 

La scuola ha la possibilità, nel suo quotidiano, di operare un confronto costruttivo tra le reali necessità dei MSNA rispetto al proprio ruolo di Istituzione che istruisce, educa, include.

  • Liceo Scientifico Statale “I. Newton”, Roma 
  • Istituto Comprensivo “Daniele Manin”, Roma
  • Coop. Soc. “Ethica”, Cassino (FR)
  • Struttura di accoglienza “Il volo delle aquile”, L’Aquila (AQ)

I numeri della scuola

46

Alunni Coinvolti

5

Alunni tra 7-15 anni

9

Alunni tra 16-17 anni

60

MSNA

44

Ore di Alfabetizzazione

5

Mediatori coinvolti

54

Alunni coinvolti

I numeri del Progetto ALI 1° Volo

54

Alunni coinvolti

19

Docenti coinvolti

5

Mediatori coinvolti

44

Ore di Alfabetizzazione

1.329

Ore di Italbase